L'UFFICIO PATRIZIALE > Storia

Storia

Ubicato a 721 m s/m, Ponto Valentino  affacciato a un magnifico balcone e guarda su un'ampia e variata ansa della Valle
'Vicinanza' ricordata sotto il nome di 'Consiglio' comprendeva nel Medio Evo i tre attuali Comuni di Ponto Valentino, Castro e Marolta. Essa esisteva già nel 1200 e costituiva una delle sei 'rodarie' della Valle di Blenio. Anticamente il villaggio era attraversato dalla strada romana, chiamata dai pontesi "via Francesca" che collegava il Ticino con il Grigioni attraverso il passo del Lucomagno. È ancora visibile, a nord del paese, un ponte tuttora praticabile.
Lo spopolamento, lo dicono le statistiche, c'è stato: oggi il Comune conta 239 abitanti mentre nel 1850 erano 518 (359 nel 1950).
Furono molti i pontesi che emigrarono in altri paesi (Francia - soprattutto a Parigi, Italia - Firenze e Pavia, e nelle lontane Americhe) o al nord delle Alpi, in particolare a Berna.
L'occupazione primaria, seppure in diminuzione rispetto agli anni passati, conta tra piccole e medie aziende (nel 1963 erano circa 40) con 157 caprini, 98 ovini e 138 bovini.

Submenu